Download e-book for iPad: I miti ebraici by Robert Graves, Raphael Patai, Mara Vasta Dazzi

By Robert Graves, Raphael Patai, Mara Vasta Dazzi

In questo quantity, apparso alcuni anni dopo il successo dei Miti greci, Robert Graves si suggest di esplorare, con gli stessi intendimenti e avvalendosi della collaborazione di Raphael Patai, il patrimonio mitologico rintracciabile nel Libro della Genesi, ricollegandolo alle tradizioni greche, mesopotamiche, persiane ed egiziane. l. a. profonda somiglianza tra los angeles narrazione biblica e le leggende dell’area mediterranea mette in rilievo los angeles singolarità di determinate componenti del mito biblico, quali los angeles presenza di un dio unico e l. a. promessa di un paradiso according to gli uomini giusti. Gli autori sottolineano los angeles funzione politico-sociale di questa singolarità, individuando le circostanze storiche sottese al mito. L’analisi, condotta con rigore esemplare e suffragata da un vastissimo apparato di riferimenti e rimandi, nulla toglie alla vivacità della narrazione, los angeles quale illustra in modo esauriente e appassionato quel mito ebraico, patriarcale e monoteistico che è alla base di buona parte dei principi etici della civiltà occidentale.

Show description

Read or Download I miti ebraici PDF

Best italian_1 books

New PDF release: Razza umana: storia e biologia

192pages. 21x15x2cm. Broché.

Franco Rendich's Dizionario etimologico comparato delle lingue classiche PDF

Storia delle parole del più antico vocabolario indoeuropeo, nato alcuni millenni prima del fiorire della civiltà greco-romana, e delle loro trascrizioni in sanscrito, in greco e in latino.

Additional resources for I miti ebraici

Sample text

Durante quell’inverno la sua camera da letto era spesso riscaldata. Era quella la stanza in cui egli teneva la sua piccola collezione di libri, all’incirca quattrocentocinquanta volumi, in gran parte omaggi degli autori. Potrà sembrare stra­ no che Kant, uomo di così vaste letture, non 51 possedesse una biblioteca più grande; ma egli ne aveva meno bisogno di molti altri studiosi, poiché nei suoi anni giovanili era stato biblio­ tecario della Biblioteca Reale del Castello, e fin da allora, per generosa disposizione di Hartknoch, il suo editore (il quale, a sua volta, aveva tratto vantaggio dalla generosità con cui Kant gli aveva ceduto i diritti sulle proprie opere), aveva il privilegio di ricevere in visione ogni nuovo libro che veniva pubblicato.

Per un caso il domestico aveva scoperto un fraùimento cancellato del manoscritto originale della Antropologia di Kant: con la mia approvazione lo diede al russo, che se ne appropriò con tra­ sporto, lo baciò e poi diede al domestico l’unico tallero che aveva addosso. Ma poi, pensando che non fosse abbastanza, si tolse la giacca e il gilet e costrinse l’uomo ad accettarli. Kant, che per sua naturale semplicità di carattere era poco incline a guardare con simpatia le stravaganze senti­ mentali, non potè tuttavia trattenere un sorriso benevolo quando gli fu raccontato questo tratto di naïveté ed entusiasmo del suo giovane ammi­ ratore.

E le sue espressioni di impazienza, pur mantenendo l’usata gentilezza, erano così vivaci e avevano un tal carattere di infantile naïveté che nessuno di noi poteva trattenersi dal sorridere. Ben sapendo che cosa sarebbe succes­ so, avevo cura che tutto fosse predisposto: il caffè era già macinato; l’acqua era sul fuoco e, nel momento stesso in cui la parola veniva pronun­ ciata, il suo domestico partiva come una freccia e immergeva il caffè nell’acqua. Non rimaneva dunque altro che dare all’acqua il tempo di bol­ lire.

Download PDF sample

I miti ebraici by Robert Graves, Raphael Patai, Mara Vasta Dazzi


by James
4.1

Rated 4.79 of 5 – based on 44 votes